« Luglio 2009 | Main | Giugno 2012 »

Articoli del mese di Febbraio 2010

25.02.10

Bimbi di Haiti

Bimbi di Haiti

23.02.10

Imprenditore suicida

La notizia la scrive il mattino di Padova nella edizione online di oggi, tra le tante altre tristi notizie. Un imprenditore si impicca nel suo appartamento. Apparentemente all'origine del gesto c'è la crisi economica, infatti da tempo non riusciva a pagare gli operai. Poi si legge che l'uomo era separato dalla moglie da diversi anni e aveva anche due figli maggiorenni. http://mattinopadova.gelocal.it/dettaglio/padova-imprenditore-non-riesce-a-pagare-gli-operai-e-si-uccide/1867607

Continuiamo con le tristi notizie di suicidi o aspiranti tali, dal momento che ci siamo, perché è bene sviscerare tutto il marcio che si nasconde dietro questa società moderna ed evoluta:

Carceri: suicidio a Brescia, e' l'ottavo decesso da inizio anno, http://www.adnkronos.com/IGN/News/Cronaca/Carceri-suicidio-a-Brescia-e-lottavo-decesso-da-inizio-anno_46112223.html

Ferisce moglie con colpo pistola,poi tenta suicidio a Biella. Lei ferita a una gamba, lui con proiettile nel cranio,sono vivi. http://www.ansa.it/web/notizie/regioni/piemonte/2010/02/23/visualizza_new.html_1707072596.html

Chiama 113 Bari, risponde Ancona, salvato aspirante suicida. http://www.ansa.it/web/notizie/regioni/marche/2010/02/19/visualizza_new.html_1705434057.html

Sanremo:medico tedesco suicida per amore durante il Festival. http://www.sanremonews.it/it/internal.php?news_code=111747

Oggi pomeriggio alle 15 alla parrocchiale di Mansué l’ultimo addio a Maddalena, la parrucchiera 24enne che la scorsa settimana si è tolta la vita. L’ipotesi suicidio aveva reso perplessa la famiglia, che nel frattempo aveva richiesto delle indagini supplementari. Le quali tra l’altro hanno confermato la prima ipotesi: suicidio per strangolamento. Il primo ad assistere alla scena è stato il fidanzato, che insieme ai famigliari ancora non si capacità dell’accaduto, visto che la giovane non avrebbe lasciato nessun biglietto. Qualche giorno fa tentato suicidio della madre per eccessiva assunzione di barbiturici: salvata in extremis. http://www.oggitreviso.it/oggi-lultimo-addio-maddalena-22716

Liceale morta a Londra, i compagni e i professori rientrati a Roma. Scotland Yard, non è stata spinta. Da svelare se suicidio o malore. http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/cronaca/2010/02/19/visualizza_new.html_1706116367.html

FASANO – Un anziano di 89 anni, A.F. (queste le sue iniziali), si sarebbe suicidato poco fa (sabato 20 febbraio) nel pieno centro abitato di Fasano. L’uomo – che viveva da solo dopo la separazione con la moglie avvenuta pochi anni fa – è stato trovato impiccato nella sua abitazione. http://www.gofasano.it/notizie/cronaca/suicidio-in-pieno-centro-a-fasano4511.html

C'è qualcosa che non quadra in questa nostra ed evoluta società, non credi? Non è normale suicidarsi o tentare di farlo. Come mai allora tanti suicidi? Sono tutti matti? La Chiesa cattolica, portatrice di un messaggio di salvezza, che ci sta a fare? Lo Stato, che si erge a difensore dei cittadini, che ci sta a fare? Io, cittadino moralista, che ci sto a fare? Tutte le organizzazioni Onlus di volontariato e compagnia bella, che ci stanno a fare? Gli psicologi e i medici dell'ASL, oltre a sanzionare gli imprenditori che non rispettano le norme di sicurezza ambientali, che ci stanno a fare?

Ma quanto è bella la vita!! Evidentemente per qualcuno la vita non è poi così tanto bella, altrimenti non la si butterebbe via. Cosa c'è che non va? Il disagio esistenziale non è un problema che riguarda soltanto "gli altri", può riguardare anche te o me o i nostri cari.

Anche Giuda si è suicidato, impiccandosi. Perché? Per il rimorso di aver tradito Gesù? Ma Gesù non era venuto per salvare l'uomo? Non ha senso il suicidio di Giuda, alla luce della missione di salvezza di Gesù, a meno che Giuda non sia l'incarnazione o, meglio, la controfigura di Dio. Hanno senso i suicidi o i tentati suicidi sopra riportati? No! Non hanno senso. Sono soltanto il sintomo di un disagio che nasce in questa nostra società incapace di sorridere alla vita e dove il bestiame non vuole accettare di farsi chiamare per nome.