« Settembre 2006 | Main | Novembre 2006 »

Articoli del mese di Ottobre 2006

21.10.06

Soldi e potere - L'altra faccia della beneficenza

Bilanci con troppe cifre e strani corsi. Così molte Onlus vivono grazie a chi soffre. Dietro il proliferare di enti e sigle una spinta non sempre disinteressata. Nel mirino i costi di alcune organizzazioni.

Così titola il quotidiano di Torino: "La Stampa" del 21/10/2006 a pagina 13 in un articolo in cronache. Altri sottotitoli: Don Vitaliano Della Sala: "A volte quelli che stanno dietro la scrivania strumentalizzano i giovani volontari. Nei Balcani e in Iraq ho incrociato Ong potenti e mi hanno impressionato per la ricchezza dei mezzi che scomparivano alla vista di un pericolo". La denuncia: "Associazioni che aiutano soprattutto se stesse". Sono i sottotitoli che leggo oggi sul giornale e che mi lasciano con l'amaro in bocca.

L'articolo inoltre denuncia il decadimento e la deriva allarmante di diverse associazioni. Io non vivo quelle realtà da interno, ma come sostenitore esterno. E' una vergogna, per non dire uno schifo. Dipendesse da me tutte ste associazioni le farei chiudere. Dietro ci sono sempre interessi economici legati al dio denaro e probabilmente anche rivalità tra le stesse associazioni di beneficenza.

Mi auguro che le associazioni serie sappiano fare piena luce e tagliare i costi "faraonici" per mantenere in piedi le strutture e tutto quell'apparato di "marketing" non sempre necessario e destinare le risorse così liberate alla missione per la quale sono nate.

07.10.06

Vittorio Messori : un profeta inascoltato?

Questo post lo lascio scrivere a Vittorio Messori, riportando alcuni brani tratti dal suo libro: "Scommessa sulla morte", Edizioni Sei.

Cerchiamo di spiegarci, ricordando anzitutto che di "eutanasie" ce ne sono almeno due.
Ce ne è una di fronte alla quale il conformista di "area radicale" travestito da alternativo, da sovversivo, impone di indignarsi, definendola "disumana".
Ma ce ne è un'altra che lo stesso conformista definisce "umana", "avanzata"; e in nome della quale è disposto a "battersi contro l'oscurantismo", naturalmente "clericale".
In realtà, le motivazioni profonde di entrambe le eutanasie sono comuni: e in ogni caso imbarazzanti e oscure.

La prima eutanasia (la "cattiva"), è detta "sociale" ed è quella praticata nel nostro secolo, su scala industriale, dai nazisti. I quali, non va taciuto, godevano in realtà di buone sponsorizzazioni.
Negli anni Venti, Alexis Carrel, premio Nobel per la medicina, proponeva la soppressione di intere categorie sociali: dai vecchi, agli idioti, agli incurabili. Ma già Platone, il filosofo greco, raccomandava: " I cittadini non sani di corpo siano lasciati morire".

La seconda eutanasia (quella "buona") è detta "agonica". Ed è propugnata da quegli stessi che inorridiscono davanti alla spaventosa "igiene sociale" praticata dalle SS hitleriane. Questa è "criminale", mentre quella è "progresso civile", perché sarebbe tesa ad evitare al morente inutili sofferenze. Benefica sin dal nome: eutanasia, cioè "morte a fin di bene", "morte per pietà, "per amore".

Anzi, accanto a divorzio ed aborto, l'eutanasia nella sua variante "agonica" è il terzo, inevitabile anello che completa la catena che le culture moderne sfoggiano al collo. L'eutanasia è la Terza Persona della Trinità di quel radicale che - malgrado i patetici sforzi per essere considerato "di sinistra", per avere anche'egli diritto al magico titolo di "compagno" - altro non è che figlio legittimo del liberismo capitalista e borghese dell' Occidente.
....

Cuore del "messaggio" del liberal-radicale è, come egli stesso dice "il diritto alla mia felicità". Tutto ciò che contrasta questo programma deve essere attaccato come dannoso: mors tua, vita mea.

Dietro questa cultura che esalta divorzio e aborto c'è un preciso movente egoistico, seppure annegato in un fiume di nobili parole. In realtà, quel che in concreto si vuole è liberarsi con la minor fatica - e con la benedizione, più il contributo spese della società - del coniuge o del feto divenuti ingombranti e sgraditi.
.....

Dice un documento recente dell'episcopato tedesco, che qui citiamo non per il suo contenuto "religioso" - non è ancora il momento - ma per lo spunto di verità umana che contiene: "La maggiore difficoltà dell'assistenza ai morenti consiste nel fatto che la morte di un uomo esige che colui che assiste si confronti con la propria morte."

Chi può reggere questo confronto? Come possono farlo i figli delle culture che si sono organizzate proprio per evitarlo? Lo reggerà forse il radicale con la sua mistica della "festa", del "gioco", del "divertimento", della "salute", della "bellezza" ? Lui che (basta sfogliare i suoi giornali, guardare la loro pubblicità) proclama degna di essere vissuta solo la vita che dona piena soddisfazione? Lui che ha decretato che bisogna esibire i piaceri e nascondere le lacrime? Quel radicale che anche quando digiuna per le sue "cause umanitarie" sembra farlo per conservaare una linea snella?"

Tratto da: "Scommessa sulla morte" di Vittorio Messori, Edizioni Sei, pag. 58-59-61.

Su uno dei siti dei radicali: www.radioradicale.it, a dimostrazione di quanto scriveva Vittorio Messori nei primi anni '80, leggo:

"Quando Piero decidesse di procedere in modo rigoroso e vigoroso a quello che la sua etica, la sua moralità, la sua libertà, la sua dignità e la nostra gli chiede, sarò immediatamente pronto a compiere quell'atto etico di rispetto della vita, della legge, dei principi della civiltà che sono negati da talebani, da chi occupa il Vaticano".
"Morire dev'essere come addormentarsi dopo l'amore".

Così Marco Pannella, nel corso di una conferenza stampa alla Camera per la presentazione di due proposte di legge della Rosa del Pugno sui temi dell’eutanasia e del testamento biologico, ha spiegato le prossime fasi della battaglia del co-presidente dell’associazione Luca Coscioni, Piero Welby. La stessa intenzione è stata espressa da Marco Cappato, segretario della Associazione Coscioni.
http://www.radioradicale.it/pannella-se-piero-welby-decidesse-saro-pronto

Io vorrei chiedere a Marco Pannella se sarà pronto anche quando al posto di Piero Welby ci sarà Gesù. Quel Gesù che con il suo pensiero, il suo insegnamento e la sua morte ha contribuito ad affrancare l'uomo dall'abbrutimento e dalla schiavitù, dandogli quella dignità che nessun altro uomo prima di lui è stato in grado di fare.